studentteacherLe basi per creare un rapporto di mutua considerazione fra allievi e docenti non vanno cercate lontano: cominciano con i saluti di tutti i giorni!

Se non esiste già un regolamento della scuola in questo senso, sarà il singolo insegnante a dire ai propri alunni come si devono comportare all’ingresso in aula. Alzarsi in piedi, fare silenzio e assumere una posizione composta nei banchi sono tutte possibilità, nessuna delle quali va considerata esagerata o troppo obsoleta: in fin dei conti in quel momento il professore sta rappresentando l’autorità del Ministero della Pubblica Istruzione, e si farebbe lo stesso se in una stanza entrasse un pubblico ufficiale, un rappresentante delle istituzioni, e così via. Questo tipo di disciplina, per di più, tornerà utile un domani sul posto di lavoro!

A proposito di silenzio: questo dovrebbe regnare in classe durante spiegazioni o compiti, ma la presenza concomitante di smartphone, wearable device come orologi connessi o tablet rende l’attenzione molto difficile. Per questo l’insegnante può procedere al sequestro a inizio lezione, provvedimento sempre sgradito e dalle conseguenze imprevedibili. Un’alternativa, come per tutte le attività di classe, può essere quella del “do ut des” latino: un sistema di premi per chi spontaneamente consegna il proprio telefono o si astiene dall’utilizzarlo (senza imbrogliare!), come ad esempio voti più alti alla prima verifica disponibile o, al contrario, voti automaticamente più bassi per i più riottosi. Si potrebbe anche creare un sistema di multe in denaro per ogni violazione, con una raccolta di soldi da spendere poi in gita scolastica: il come verrà deciso insieme.

Cari docenti, a questo punto non dovrebbe essere necessario ricordare che sarebbe buona norma cercare di rispettare il corpo studentesco esattamente come questo è tenuto al riguardo nei confronti di chi insegna. Quindi le regole che si impongono a chi sta dietro a un banco devono essere le prime a essere tenute a mente in maniera rigorosa: poche distrazioni, un abbigliamento consono al ruolo che si occupa, rigore ma col sorriso (si è fra minorenni, non in una caserma nord-coreana!) devono essere i fondamenti del vostro mestiere!